info@braincenterfirenze.it

How to manage obsessive-compulsive disorder (OCD) under COVID-19

Il Dr. Grassi del Brain Center Firenze è nel gruppo di esperti mondiali afferenti all’International College of Obsessive Compulsive Spectrum Disorders (ICOCS) e all’Obsessive Compulsive and Related Disorders Research Network (OCRN) of the European College of Neuropsychopharmacology, che ha appena pubblicato uno studio sulla rivista internazionale Comprehensive Psychiatry con le linee guida e le raccomandazioni per il trattamento dei pazienti con disturbo-ossessivo-compulsivo in corso di pandemia da SARS-COV-2.La pandemia del virus SARS-COV-2 che stiamo vivendo ha avuto e sta tutt’ora avendo un profondo impatto negativo sia diretto che indiretto sulla salute mentale. Lo stato di allarme continuo, le limitazioni alla vita socio-familiare, alla libera circolazione fuori di casa e l’incertezza per il futuro economico sono tutti fattori stressanti che hanno e continuano a minare la salute mentale della popolazione. Le  persone che soffrono di disturbo ossessivo-compulsivo sono per certi aspetti una categoria di persone particolarmente fragili davanti ai temi che un’epidemia virale pone (ad esempio per il tema del rischio del contagio tramite i contatti con altre persone o della contaminazione attraverso le superfici). Pertanto le linee guida e le raccomandazioni contenute in questo articolo hanno lo scopo di guidare i clinici e i terapeuti nell’adeguare la presa in carico e il trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo in questo particolare periodo. Le raccomandazioni partono dall’evidenziare aspetti psicoeducativi importanti (dal mantenimento del ritmo circadiani, l’incremento dell’attività fisica, la limitazione nell’uso di internet e della continua ricerca di news sul SARS-COV-2) e dalla rivalutazione attenta del quadro clinico e dei rischi implicati alla situazione pandemica. Inoltre sono riportate una serie di raccomandazioni e di precauzioni circa l’uso della terapia di esposizione e prevenzione della risposta per i pazienti con tematiche rupofobiche, e raccomandazioni per l’implementazione della terapia farmacologica.